Antibiotici nel Cane e nel Gatto: Come Ridurre il Carico Tossico.

Inserito in Nonintossicarmi

Gli Antibiotici nel Cane e nel Gatto sono talvolta necessari per evitare il propagarsi di stati infettivi aggressivi, specie quando si parla di infezioni riguardanti gli organi interni e in particolar modo, quando un Sistema Immunitario deficitario, non è in grado di farcela da solo per cui non si può fare a meno di usarli.

 
Antibiotici nel Cane e nel Gatto
 
Antibiotici nel Cane e nel Gatto: Come Ridurre il Carico Tossico.
 
 
Anti Bios.. ovvero “contro la vita” !
 
Quando Cani e Gatti stanno assumendo farmaci, rimedi e trattamenti naturali consentono all’organismo umano e animale di ripristinare rapidamente l’Omeostasi mentre la malattia fa il suo corso.
Ricordo che l’Omeostasi è il potenziale spontaneo di autoguarigione in dotazione ad ogni essere vivente, altrimenti nessuno potrebbe sopravvivere all’esposizione ad agenti ambientali invasivi e stressanti.
E’ la capacità naturale di ripristinare l’equilibrio biologico che tiene in vita i corpi..
Capite bene che un farmaco chimico mai privo di reazioni avverse, costituisce un sovraccarico che indubbiamente è in grado, specie nelle prime fasi di una malattia, di rallentare le normali funzioni omeostatiche. Per cui si rende necessario a mio avviso, accompagnare l’assunzione di farmaci, con trattamenti naturali che drenano, depurano e sostengono, il lavoro che il corpo sta compiendo, cioè il tentativo incessante di riportare tutto in equilibrio.
Gi organi più affaticati dai farmaci? Fegato, Reni e Intestino
 
 
Ma allora cosa è meglio fare per proteggere l’organismo da questa categoria di farmaci, che presentano non pochi effetti collaterali e che nel tempo sono stati abusati fino a produrre sia nelle persone che negli animali una antibioticoresistenza?
 
Il termine antibiotico deriva dal greco e significa “contro la vita”, non a caso questi medicinali sono in grado di bloccare la proliferazione batterica.

Gli antibiotici sono utili per combattere i batteri patogeni che hanno preso il sopravvento, ma non altri microrganismi come virus e miceti

RIMEDI UTILI..

Per bilanciare l’ecosistema della Flora Intestinale, dallo scompenso inevitabilmente causato dagli antibiotici, usare probiotici di qualità, che contengono i bacilli specifici che popolano il tratto gastrointestinale dei Gatti e dei Cani. I probiotici o i fermenti lattici devono essere presi preferibilmente a stomaco pieno, per superare la barriera gastrica acida specie nel gatto e il più lontano possibile dalla somministrazione antibiotica. Per esempio se l’antibiotico deve essere preso la mattina alle 9 il probiotico va dato la sera alle 21 e viceversa. Se invece l’antibiotico deve essere preso ogni 12 ore, si da il probiotico dopo 6 ore dall’assunzione dell’antibiotico.
Il PROBIOTICO non va  aggiunto ai pasti caldi , poichè il calore uccide i bacilli vivi. Rispettare sempre i dosaggi dei probiotici e non eccedere.
 
 
Soprattutto il Fegato è l’organo bersaglio che viene caricato di lavoro per espellere i farmaci, quindi se un animale è giovane ed ha un fegato sano, in genere è sufficiente usare integratori contenenti Cardo Mariano, Tarassaco, Curcuma, Cynara ecc. se invece si tratta di un gatto anziano o con un fegato problematico, oltre a questo integratore è bene associare altri prodotti appositi come Homeos 4, oppure in casi più gravi Lycopodium comp Heel, alternato ad Arnica comp Heel, per effettuare un drenaggio Omotossicologico.
 
 

Anche lo Stomaco va protetto durante l’assunzione degli Antibiotici nel Cane e nel Gatto, specie quando la stessa avviene per via orale, quindi ad un animale che sta prendendo farmaci, è bene somministrare parallelamente la Nux Vomica alla 5CH (5/7 granuli suddivisi in tre volte nella giornata lontano dal pasto) e Ficus Carica MSA Herboplanet 4/7 gocce due volte al giorno. Questo mix eviterà che l’animale possa incorrere in una gastrite che poi facilmente evolve in IBD specie nel gatto.
L’uso dell’Aloe può aiutare a proteggere lo stomaco con la sua mucillagine che aderisce alle pareti intestinali e contribuire a sostenere e rinforzare il Sistema Immunitario (non usare in presenza di diarrea). Anche il Colostro assolve questa funzione.

 
 
Se i Reni sono malati e deficitari sarà importante usare prodotti come Nefrorenal oppure un drenaggio fatto con MG di Betula Pubescens (giovani radici) 4/7 gocce due volte al giorno a secondo del peso dell’animale, si dovrà anche far bere molto l’animale e a volte usare terapia liquida con soluzione fisiologica sottocute secondo l’indicazione del veterinario.
I microrganismi come i Funghi si nutrono di antibiotici e portano al proliferare della Candida Albicans, per non incorrere in questa situazione usare antifungini naturali come l’Argento Colloidale .
I trattamenti sopra descritti vanno prolungati dopo il termine della terapia antibiotica, anche per un mese di seguito.
 
 
La Dieta naturale e digeribile e importante per non affaticare il sistema digestivo, non intasare gli organi emuntori e nutrire al tempo stesso. Onsieme agli alimenti adatti è bene aiutare il pet a bere più del solito, per drenare e depurare più in fretta, gli organi metabolici.

Antibiotici nel Cane e nel Gatto

Rispettare sempre i dosaggi dell’antibiotico prescritto, non superare mai le dosi.

 
 
SE si osservano queste semplici regole, il vostro animale potrà affrontare molto meglio la malattia e difficilmente subirà gli effetti collaterali del farmaco.
 
 
Grazia Foti
Naturopata

 
 
www.gattocicova.it

 
 

Antibiotici nel Cane e nel Gatto

 
 
POTREBBE PIACERTI ANCHE ..

Nuovo Pesticida per pulci

Filariosi del Cane e Gatto

Fipronil per Gatto e Cane

Metalli Pesanti nel Gatto

Vaccinazioni nel Gatto

Vaccini per Cani e Gatti

Sostanze Tossiche

Metalli Pesanti nel Cane

Intossicazione da PIOMBO

Intossicazione da ALLUMINIO


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Antibiotici nel Cane e nel Gatto