Artiglio del Diavolo nel Cane e Gatto (Harpagophytum Procumbens)

Inserito in Fitoterapia

Artiglio del Diavolo nel Cane e Gatto il cui nome botanico è Harpagophytum Procumbens, è indicato come: antinfiammatorio, blando analgesico, antireumatico, spasmolitico, coleretico.

 
Artiglio del Diavolo
 
Artiglio del Diavolo nel Cane e Gatto (Harpagophytum Procumbens)
 

Artiglio del Diavolo è una pianta perenne rampicante appartenente alla famiglia delle Pedaliacee.Diffuso nell’Africa Sud-Occidentale ed in particolare nel deserto del Kalahari, nelle steppe della Namibia e nel Madagascar, l’Artiglio del Diavolo deve il suo nome alle quattro appendici dure e nastriformi che caratterizzano i suoi frutti ovoidali. Queste escrescenze sono dotate di robusti uncini che, penetrando nel corpo o nelle zampe degli animali, procurano serie ferite, costringendoli a compiere una danza "indiavolata". I principi attivi e contenuti minimi FU della pianta sono: glucosidi monoterpenici iridoidi (arpagoside, arpagide, procumbide), zuccheri (raffinosio), aminoacidi, steroli.

L’Artiglio del Diavolo nel Cane e nel Gatto , solitamente si utilizza in caso di infiammazioni e dolori articolari.
 
 
Uso Fitoterapico
La parte usata a scopo medicamentoso si ricava proprio dalle escrescenze laterali della radice che contengono le maggiori concentrazioni di principi attivi. Nella medicina tradizionale Sud-africana l’Artiglio del Diavolo viene utilizzato da secoli per la cura di vari problemi come: malattie reumatiche, dolori articolari, febbre.. per l’azione di tre glicosidi (harpagosid, harpagid e procumbid), ritenuti responsabili degli effetti analgesici e antipiretici dell’Arpagofito. Il rimedio si è dimostrato particolarmente attivo soprattutto nelle situazioni che causano dolore ed infiammazione come tendinite, osteoartrite, artrite reumatoide. A questo vegetale vengono attribuite anche proprietà, ipocolesterolemizzanti ed ipouricemizzanti.
 
 
Utilità

– Tendiniti
– Contusioni
– Artrite
– Febbre
 
 

N.B.Gli estratti di questa pianta potrebbero causare problemi se usati in associazione a farmaci antiaritmici. Non va usata ed in caso di ulcera gastrica o duodenale, calcoli alla cistifellea, diabete e gravidanza.
Nel Cane e nel Gatto si può usare sempre a stomaco pieno e mai in caso di problemi gastrici.
I dosaggi vanno stabiliti in base al peso, all’età e allo stato di salute generale dell’animale.
Può dare leggera sonnolenza.
L’ideale è somministrare Artiglio del Diavolo con altri preparati ad azione antinfiammatoria, per avere una sinergia terapeutica, evitando così dosaggi troppo alti, che potrebbero risultare tossici.
 
 
Grazia Foti
Naturopata

 
 
www.gattocicova.it

 
 

Artiglio del Diavolo nel Cane e Gatto (Harpagophytum Procumbens)

 
 
POTREBBE PIACERTI ANCHE ..

Gemmoterapia nel Cane e Gatto

Acerola nel Gatto e nel Cane

Spaccapietra nel Gatto

Olio di Semi di Ribes Nigrum

Ficus Carica nel Cane

Astragalo nel Gatto e nel Cane

Rescue Remedy nel Cane

Fiori di Bach nel Gatto

Fitoterapia nel Gatto e Cane

Echinacea nel Cane

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Artiglio del Diavolo nel Cane e Gatto (Harpagophytum Procumbens)