Gatto con granuloma eosinofilico felino: Strategie Naturali per Guarire

Inserito in Malattie del GATTO

Gatto con granuloma eosinofilico felino
 
Gatto con granuloma eosinofilico felino: Strategie Naturali per Guarire
 

Gatto con granuloma eosinofilico felino: Strategie Naturali per Guarire da una malattia autoimmune, ben curabile, collegata soprattutto ad intolleranze alimentari. Classificata tra le patologie autoimmuni sistemiche, il Granuloma Eosinofilico dei Gatti è una forma di eosinofilia, che interessa l’apparato cutaneo dei felini, in maniera sempre più diffusa. Questo problema che interessa l’apparato cutaneo, può essere scatenato anche dalle vaccinazioni.

 

Le cause del Gatto con Granuloma Eosinofilico sono generalmente due: una intolleranza alimentare, dovuta al cibo industriale e/o una parassitosi intestinale. I cui danni sono amplificati, dalla distruzione del microbiota, dovuta al consumo di cibo confezionato per animali.
In pratica il Sistema Immunitario, logorato da alimenti contronatura, pieni di scarti e additivi chimici impossibili da digerire, “impazzisce”. Il Sistema Immunitario, non riconosce più ciò che deve proteggere (self), da ciò che deve aggredire (non-self). Ma si può ben riportare in equilibrio.
E’ di grado molto elevato l’inquinamento tossico alimentare e ambientale, a cui sono sottoposti gli animali moderni.

Un “granuloma, di per sè, indica un’aggregazione di cellule caratterizzate da uno stato infiammatorio. Associato al termine “eosinofilico”, sottolinea l’abbondante presenza, nelle stesse cellule, di granulociti eosinofili. Sono un particolare tipo di globuli bianchi del Sistema Immunitario, che intervengono in caso di stati allergici e intolleranze o presenza persistente di parassiti.
Questa forma cronica di granuloma, caratterizzata da uno scompenso delle difese immunitarie, è da collegarsi a cause e concause, talora anche remote, rispetto all’esordio del processo autoimmune. Spesso si tratta di accumulo di tossine.

Tra i fattori che contribuiscono a fare perdere all’organismo l’immunotolleranza, possiamo trovare in primo luogo, intolleranze e/o allergie alimentari. Sono dovute ad alimentazione spazzatura confezionata per animali, vaccinazioni specie se ripetute. Anche pregresse terapie farmacologiche aggressive. Oppure.. tossicità da additivi chimici (pet food, vaccini, pesticidi per parassiti), non a caso assistiamo ad un aumento eccezionale della malattia.

Anche se le manifestazioni di un Gatto con Granuloma Eosinofilo, sono piuttosto diversificate, si tratta dello stesso tipo di problematica che colpisce zone differenti dell’organismo del Gatto.
Il complesso del Granuloma Eosinofilico a secondo delle zone e delle caratteristiche con cui si manifesta, viene suddiviso nelle seguenti tipologie:

Granuloma Lineare: si localizza nella zona posteriore di una o di entrambe le cosce: si notano delle escrescenze che possono essere più o meno sporgenti che si infiammano e spesso un’ infezione batterica si sovrappone alla cute già lesionata. Si nota forte prurito, arrossamento e caduta del pelo.
Il leccamento del gatto peggiora la situazione, esasperando l’infiammazione e aumentando il rischio di una nuova infezione batterica.

Ulcera Indolente: riguarda il labbro superiore o inferiore e si manifesta con un piccolo nodulo circoscritto, che tende (per l’azione irritativa della lingua) ad assumere con il trascorrere dei giorni un aspetto crateriforme.

Placca Eosinofilica: è un’alterazione infiammatoria, di solito sull’addome, che spesso tende ad ulcerarsi. L’aspetto è umido ed il prurito notevole. L’arrossamento si accompagna in genere ad alopecia e ad infezione secondaria.

Granuloma Eosinofilo della Bocca: un’altra parte del corpo colpite dal Granuloma Eosinofilo nel Gatto riguarda la bocca ed in particolare la faringe. Sulla mucosa del cavo orale, vicino alla gola, si nota una spiccata infiammazione, che conferisce all’animale dolore e gli impedisce di alimentarsi correttamente. E’ una delle forme di Granuloma Eosinofilo più difficile da trattare, poichè nel cavo orale si depositano i batteri.
 
 

gattocicova-foglie

 
 
Gatto con granuloma eosinofilico felino le Cure naturali per guarire
 
Essendo una malattia su base allergica, il problema essenziale risiede nelle allergie e intolleranze, che se non diagnosticate, inducono il sistema immunitario a reagire in maniera abnorme agli stimoli continui. Per curare la patologia, del tutto, bisogna evitare questo continuo super lavoro del sistema immunitario.
Per fronteggiare e risolvere il Granuloma Eosinofilico nel Gatto è decisamente auspicabile una dieta e un trattamento naturale, la cui parola chiave è “depurazione”, che si basa sulla cura del Terreno Biologico.
 
Il Gatto con Granuloma Eosinofilico Felino può essere efficacemente trattato fino a guarigione, senza usare cortisonici, o minimizzando l’uso degli stessi. Il cortisone spesso che peggiora lo stato del Sistema Immunitario, causandone un ulteriore squilibrio e favorendo la cronicizzazione della malattia. Tuttavia in alcuni casi si sovrappone, alla zona interessata dalle lesioni, un’infezione batterica tale da richiedere temporaneamente, l’uso di antibiotico.
Il processo di guarigione di questa malattia, può essere rapido o lento secondo le condizioni iniziali in cui si trova il pet. Molto spesso è sufficiente passare ad un’alimentazione naturale, depurando l’organismo, per arrivare a risoluzione rapida.
E’ essenziale disintossicare e sostenere anche fegato e reni.
Nell’ambito dei rimedi naturali, abbiamo a disposizione un ampia gamma di prodotti tra: omeopatici, fitoterapici e integratori, ne cito solo qualcuno:
 
Parliamo di ..
Homeopharm TH2 rimedio omeopatico per un trattamento di fondo in ogni tipo di allergia. Utile in caso di: Dermatite Atopica, Rino-congiuntivite allergica, Asma bronchiale allergico, Orticaria ed Eczema Atopico, Disturbi gastroenterici su base allergica, intolleranze alimentari
Composizione
Benzochinone, Candida Albicans, Formica Rufa, Iterleuchina 2, Interleuchina 4, Interleuchina 6, Klebsiella Pneumoniae, Manganum Gliconium.

 
 
Efficace inoltre nella terapia del Gatto con Granuloma Eosinofilo.. la Litoterapia Dechelatrice (Conglomerat D 8 – Bornite D 8 se si associa eczema infettivo), drenaggio gemmoterapico, sostegno epatico, liquido terapia drenante sostegno renale ecc.
Per quanto riguarda l’uso della PEA, va bene, ma spesso non è sufficiente, specie se il Granuloma Eosinofilico è cronicizzato da molto tempo e se si è fatto uso di cortisone.
 
 
L’alimentazione naturale e digeribile, è la “conditio sine qua non”, per affrontare questa condizione eosinofila, sia come prevenzione e sia come cura.
Escludendo categoricamente qualsiasi cibo confezionato, attraverso il Vega Test si possono individuare le intolleranze.
E’ importante NON vaccinare il Gatto malato di sindrome Eosinofila, oltre a seguire un processo di disintossicazione generale dell’organismo.
 
 
Spesso la risoluzione di questa patologia richiede tempo, impegno e dedizione, nella somministrazione ciclica dei trattamenti ma anche rigore nella dieta naturale per ripristinare la salute del microbiota.
 
 
Grazia Foti
Naturopata

 
 
www.gattocicovablog.it

 
 

Gatto con granuloma eosinofilico felino: Strategie Naturali per Guarire

 
 

POTREBBE PIACERTI ANCHE ..
 

Raffreddore nel Gatto

Ipersensibilità Alimentare

Dermatite nel Gatto

Insufficienza Renale nel Gatto

Allergie nel Gatto e Naturopatia