Ipotermia nel Gatto e nel Cane Abbassamento Temperatura Corporea

Inserito in Malattie del CANE, Malattie del GATTO

L’ Ipotermia nel Gatto e nel Cane è una condizione patologica caratterizzata dall’abbassamento della normale temperatura corporea, che chiaramente varia da specie a specie. Si tratta di un’emergenza medica.

 
Ipotermia nel Gatto e nel Cane
 
Ipotermia nel Gatto e nel Cane Abbassamento Temperatura Corporea
 

Nei Cani e nei Gatti si può parlare di ipotermia quando la temperatura rettale scende al di sotto dei 37 gradi, mentre in condizioni normali la temperatura di un cane o di un gatto si aggira intorno ai 38 gradi.

I soggetti più a rischio sono: i cuccioli di Gatti e di Cani, gli anziani o chi soffre di qualche malattia particolare, che se non trattati in tempo, possono morire.
 
 
Le cause di Ipotermia nel Gatto e nel Cane
 
Ipotermia Intraoperatoria: costituisce un serio pericolo di vita, se durante un intervento chirurgico non vengono prese determinate precauzioni. Questo tipo di ipotermia nel gatto e nel cane, viene generalmente causata da: sostanze anestetiche, perfusione di liquidi, gas o emoderivati non scaldati, dispersione di calore attraverso la superficie corporea e la sede di intervento verso l’esterno.
 
Ipotermia Neonatale: quando i cuccioli non sono tenuti al caldo (i cuccioli e i gattini possono soffrire di abbassamento della temperatura corporea).

 
Ipotermia anche in condizioni ambientali normali a causa di malformazioni, debolezza, scarsa vitalità

 
Traumi o forme tumorali che provocano lesioni al sistema termoregolatore posto nell’ipotalamo

 
Determinati farmaci e sostanze, come oppiacei e barbiturici

 
Avvelenamento ed intossicazioni

 
Malattie come: sindrome di cushing, ipotiroidismo

 
Trauma e shock

 
Animali particolarmente anziani

 
 
Sintomi di Ipotermia

  • Letargia
  • Cachessia
  • Tremori
  • Rigidità Muscolare
  • Problemi Respiratori
  • Battito del cuore debole
  •  
    Sono più soggetti all’ipotermia i cuccioli, i gattini e gli anziani in cui le capacità di termoregolazione sono più difficoltose. E su questa capacità influiscono anche le patologie pre esistenti. Inoltre la capacità di termoregolazione dei mammiferi implica un notevole dispendio energetico, ecco perché i nostri pet (ma anche noi a dire il vero) aumentiamo il cibo e le calorie introdotte d’inverno.
     
    La persistenza di un’ipotermia consistente provoca manifestazioni cliniche gravi come:
    – brachicardia
    – aritmie
    – ipotensione
    – iperglicemia
    – blocco renale
    – vasocostrizione periferica
    – danni ischemici
    – ipossiemia
    – compromissione del SNC
    – diminuzione della funzionalità piastrinica
     
    La terapia per l’Ipotermia nel Gatto e nel Cane, si attua tramite un graduale riscaldamento eseguito con la giusta precauzione. Iniziando dalle zone centrali del corpo, spostandosi man mano verso la periferia. si possono utilizzare coperte, borse di acqua calda ricoperte.. Alcuni veterinari applicano la somministrazione di liquidi sottocute a temperature tiepide.

     
     
    Grazia Foti
    Naturopata

     
     
    www.gattocicovablog.it

     
     

    Ipotermia nel Gatto e nel Cane Abbassamento Temperatura Corporea

     
     
    POTREBBE PIACERTI ANCHE ..

    Accanimento Terapeutico

    Piometra nel Gatto e nel Cane

    Struvite nel Cane Cibi Industriali

    Patologie dei Cani di razza

    Patologie dei Cani di Razza

    Insufficienza Renale nel Cane