Ulcera indolente gatto. Trattamenti naturali e recupero immunità

Inserito in Casi Clinici

Ulcera Indolente Gatto
 
Ulcera indolente gatto. Trattamenti naturali e recupero immunità
 

Ulcera indolente gatto. Trattamenti naturali e recupero immunità per una patologia eosinofila facente parte del complesso del Granuloma Eosinofilico Felino. L’ Ulcera Indolente si presenta come una particolare escrescenza granulomatosa che si manifesta sul labbro dei Gatti, in determinate situazioni di STRESS immunitario.

 
Ulcera Indolente è un tipo di granuloma eosinofilo, che interessa le labbra e/o il cavo orale dei Gatti. Questa malattia considerata “autoimmune”, solitamente viene curata con alti dosaggi di cortisone che, oltre a creare danni a tutto l’organismo, non risolve il problema. Infatti il granuloma si ripresenta continuamente. Crea disagi notevoli e spesso impedisce al pet di alimentarsi normalmente.
Da questa malattia si può guarire completamente con trattamenti naturali specifici, che ricompattano il Sistema Immunitario mettendolo in condizione di ripristinare la funzione di DIFESA, per cui questo sistema è stato creato.
Si tratta infatti di una patologia sempre più frequente e riscontrabile nei Gatti moderni. E’ in relazione con reazioni di tipo allergico, in cui sono attivi gli Eosinofili.
Gli Eosinofili sono globuli bianchi (leucociti) coinvolti sia nelle reazioni allergiche e sia nella difesa contro le infestazioni parassitarie.
 
Ulcera Indolente Gatto.. nel caso di Mullà 18enne, recentemente uscito da una forma aggressiva di Triadite, che ha debilitato notevolmente il suo sistema immunitario.
Nell’arco di circa un mese dalla guarigione, ha manifestato qualche punto cutaneo di micosi sulla testa e sulle orecchie e un granuloma sul labbro inferiore, come si evince dall’immagine.
A seguito della visita medica, il responso è dunque stato: Ulcera Indolente.

L’Ulcera Indolente di Mullà cresceva in progressione rapida, si presentava gonfia e infiammata. Aveva anche un lieve sanguinamento che rendeva relativamente difficoltosa l’alimentazione

Bisogna tenere in considerazione che Mullà fin da piccolo essendo un portatore del virus erpetico della rinotracheite infettiva felina, ha sempre avuto la linea immunitaria th1-th2 scompensata.
Ma essendo un micio di casa trovato per strada all’età di un anno, probabilmente sarà stato vaccinato, aggravando così lo squilibrio immunologico che si è portato avanti una vita intera, fino ad oggi che ha 18 anni.
 


 
Inoltre Mullà aveva già avuto all’età due anni, un tipo di granuloma eosinofilo in una forma particolarmente aggressiva, quello “lineare”, che si era localizzato nella parte posteriore delle cosce, poi guarito completamente in 10 mesi di cure naturali e recidive sempre meno intense, senza utilizzare nessun tipo di farmaco chimico.
 
In generale si può affermare che il Sistema Immunitario di Gatti o Cani che soffrono di patologie autoimmuni, è come un treno in movimento, che durante il suo percorso, tende ad uscire dai binari giusti e va periodicamente rimesso in linea, per cui, di fronte ad alcune patologie ormai cronicizzate, probabilmente ci si deve adattare a curare l’animale a lungo od anche a vita, con cicli più o meno brevi di terapie naturali che vanno ripetuti, ogni qualvolta il disturbo si riacutizza.
La stabilità del sistema immunitario, è molto collegata e condizionata alla dieta, che ovviamente deve essere naturale e non sintetica.
 
 
Normalmente sappiamo che l’unica risorsa per curare questa “patologia eosinofila”, nella medicina tradizionale è il cortisone, un rimedio palliativo, che non guarisce la malattia, ma al contrario, predispone a recidive più imponenti, rispetto alla manifestazione iniziale della stessa. Infatti spesso, utilizzando sistemi di cura tradizionali, il granuloma eosinofilo si cronicizza. Inoltre è più difficile, una volta assunto il cortisone, passare alle terapie naturali, poiché il sistema immunitario è spesso troppo compromesso per elaborare una difesa. Questo succede perchè molti medici tradizionali, non conoscono altri prodotti curativi possibili e ignorandone l’esistenza.
 


 
Tra i fattori che contribuiscono a fare perdere all’organismo l’immunotolleranza, possiamo trovare : alimentazione spazzatura, vaccinazioni, specie se ripetute, pregresse terapie farmacologiche aggressive, tossicità da additivi chimici (pet food, vaccini, insetticidi).
Non a caso assistiamo ad un aumento eccezionale di questa malattia.
 
In questo caso l’Ulcera Indolente è stata presa all’inizio ed ho potuto, a seguito di diagnosi medica, intraprendere tempestivamente il trattamento olistico.
 
Nei primi 15 giorni dall’esordio del sintomo, le cure naturali ad Hoc, hanno portato un netto miglioramento e una regressione parziale del granuloma, come si può vedere nella seconda immagine.
 

 
Per quanto riguarda le recidive ben note in questa patologia, avvengono anche con le cure naturali. Ma in questo caso, “i ritorni” si manifestano sempre in maniera decrescente e meno morbosa della precedente, fino a guarigione.

 
 

gattocicova-foglie

 
 
Rimedi Naturali Ulcera Indolente Gatto Omeopatia
 
Un trattamento Olistico è un procedimento non invasivo eseguito sul “terreno”, che a volte richiede tempo, pazienza e determinazione. Cambia e si modifica nelle fasi acute, croniche, intermedie e risolutive.
 

Per trattare l’Ulcera Indolente nel Gatto, ho personalizzato la cura in base al quadro clinico di Mullà.
Considerando le sue tendenze a sviluppare malattie autoimmuni e le intolleranze mostrate negli anni e accentuate dal passare dell’età.
Ho ottenuto nell’arco di circa 30 giorni, il risultato rappresentato nella terza immagine, cioè una guarigione totale senza farmaci e qundi senza sostanze tossiche.
 
La dieta naturale è ovviamente scontata in questa malattia, ma già lui seguiva uno stretto regime alimentare, anche se ogni tanto riusciva a rubare quello che mangiano gli altri Gatti, che contiene riso a cui lui è intollerante.
 


 
PARLIAMO DI..
 
DIS 1 Igeakos si caratterizza per un’azione di disintossicazione aspecifica e/o specifica utilizzando allergeni stagionali o perenni, sostanze chimiche, derivati vegetali, animali e minerali che stimolano e riattivano i meccanismi di difesa dell’organismo.
DIS 1 disintossica e drena dai residui proteici estranei al nostro organismo e dalle sostanze antigeniche ed è utile nella prevenzione delle allergie, stagionali e perenni, da inalanti e nella prevenzione delle allergie alimentari.
 
PREVENZIONE DELLA RIACUTIZZAZIONE ALLERGICA
Composizione:
Allergeni polvere di casa 9-12-30-60 DH, Apis mellifica 6 DH, Arsenicum iodatum 8 DH, Cardiospermum halicacabum 8 DH, Citricum acidum 9-12-30-60 DH, Formicicum acidum 9-12-30-60 DH, Histaminum 9-12-30-60 DH, Lac vaccinum 9-12-30-60 DH, Lecitina 9-12-30-60 DH, Ledum palustre 6 DH, Nicotinadenindinucleotide 9-12-30-60 DH, Papaina 9-12-30-60 DH, Pollens 9-12-30-60 DH, Solidago virga aurea 6 DH, Timo 4-7-9 CH, Triticum vulgare 9-12-30-60 DH, Urtica urens 4 DH in anaparti

I rimedi ad azione desensibilizzante sono Pollens 9-12-30-60 DH verso i pollini, Allergeni polvere di casa 9-12-30-60 DH verso gli allergeni della polvere, Lac vaccinum 9-12-30-60 DH verso il latte, Triticum vulgare 9-12-30-60 DH verso il frumento
il biocatalizzatore Lecitina 9-12-30-60 DH favorisce l’eliminazione di colesterolo e trigliceridi, Papaina 9-12-30-60 DH catalizza l’idrolisi delle proteine sciogliendo gli albuminoidi e convertendoli in peptoni facilmente assorbili ed il biocatalizzatore
Histaminum 9-12-30-60 DH regolarizza la risposta istaminica nelle diatesi allergiche
Urtica urens 4 DH e Cardiospermum halicacabum 8 DH sono indicati nella dermatite dei prati e nell’orticaria di origine alimentare, tossica, allergica o da contatto per azione antiallergica, calmante il prurito e riducente l’infiammazione
Apis mellifica 6 DH è elettivo negli edemi di origine allergica localizzati e generalizzati
l’organoterapico “suis”, secondo i principi dell’Organoterapia, Timo 4-7-9 CH stimola, riequilibra ed inibisce la funzionalità per similitudine ottimizzando la risposa immunomediata.

 

 

Tra i vari tipi di granuloma eosinofilo, quello che colpisce la bocca è il più difficile da trattare, soprattutto quello interno al cavo orale. Poiché, data la localizzazione, il passaggio di cibo lo sottopone ad irritazioni continue. Tuttavia in questo caso, è spesso sufficiente utilizzare insieme alla depurazione tossinica, alimenti e rimedi naturali. Ogni tanto si può usare, nel corso dell’anno, un ciclo di antibiotico, prescritto dal medico, con organotropismo specifico, evitando il cortisone.

Nonostante la dieta rigorosa e nonostante l’età.. Mullà ha presto ripreso il suo peso di 6 kg. Il suo intestino non ha perso la capacità di assimilare gli alimenti. Poichè un cibo di qualità, non affatica fegato, reni e cuore, viene digerito con facilità, nel rispetto della funzionalità intestinale.
Qualità di vita durante il trattamento: eccellente!

 
I DOSAGGI e la scelta dei vari prodotti disponibili in commercio, vanno personalizzati e non sono mai uguali per tutti. Ogni animale risponde assai diversamente ai rimedi usati, in base alle cause, ai sintomi, allo stile di vita, all’intensità della malattia e ad altri fattori concomitanti da valutare.

 
 

mullà-ulcera-indolente

 

 
 
Grazia Foti
Naturopatia Integrata

 
 
www.gattocicovablog.it

 
 
N.B. Tutti i casi clinici esposti in questo sito, sono stati trattati, parallelamente al lavoro di medici che hanno eseguito visite, analisi, diagnosi ed eventuali terapie farmacologiche

 
 

Ulcera indolente gatto. Trattamenti naturali e recupero immunità

 
 
POTREBBE PIACERTI ANCHE ..
 

Neoplasia Linfoide nel Gatto

Gatto Fiv Positivo Romeo

Carcinoma Squamocellulare

Triadite nel Gatto Terapie

BPCO nel Cane: il caso di Stella